Notizie da Madulain

La storia di Madulain

La caratteristica più sorprendente di Madulain è evidente a tutti coloro che passeggiano per il paese: qui una casa si annida contro l'altra, splendidamente in un uniforme stile engadinese e come per proteggersi da qualsiasi ingiustizia che potrebbe penetrare dall'esterno. Questa immagine di villaggio a sé stante e autentica è unica nell'Alta Engadina: qui la vita si svolge ancora solo nell'interno del villaggio, perché poiché il turismo era riluttante a prendere piede qui, le vecchie case engadinesi non hanno dovuto lasciare il posto a grandi solo in un insediamento poco sopra il Villaggio sono sorti edifici alberghieri e case vacanza.

Situato tra Zuoz e La Punt, Madulain era ed è il comune più piccolo dell'Alta Engadina con circa 230 abitanti oggi. D'altra parte, le cifre seguenti sono più impressionanti: Il villaggio si trova a 1700 m sul livello del mare. M., ma il comune si estende fino alla vetta del Piz Val Müra alto 3162 m. A Madulain, inoltre, appartengono due Alpi e un'enclave in Val Chamuera, anche se da tempo quest'ultima non è gestita dal comune: da quasi 170 anni è "per sempre" della famiglia Orlandi von Bever (oggi: i von Planta von Zuoz come discendente degli Orlandi).

Il più antico ritrovamento archeologico ha rivelato che la casa di Suot Mulin è stata costruita circa 700-1000 anni fa. All'epoca si trovava in fondo al paese e direttamente collegato alla palude dell'Inn, oggi è una delle case più alte. Questo viene interpretato come un'indicazione che l'insediamento di Madulain fosse inizialmente più in alto, presso il castello di Guardaval, dove il sentiero che da Zuoz conduceva attraverso il torrente Es-cha verso il Passo dell'Albula. Lo sviluppo dell'odierno centro del paese è iniziato nel 1507/09 con la costruzione della Chiesa di San Batrumieu, quando è stato realizzato un nuovo percorso da Zuoz a Madulain (oggi: Via Veglia). Le prime case che furono costruite intorno a questa nuova chiesa in quel momento sono z. B. le case Guardaval, Sur Baseglia o Plazze t.

Se cerchiamo il nome in antichi documenti, lo troviamo per la prima volta in un documento del 1137, che documenta la più grande vendita di terreni nel cantone dell'epoca: il conte Ulrich e Adalbert von Gamertingen vendettero i loro interi possedimenti in Alta Engadina , tra cui «Madulene» vescovo di Coira. Non si sa perché avvenne questo commercio, ma il prezzo che dovette pagare il vescovo Corrado I di Biberegg: comprò l'intera area per 80 monete d'argento e 600 once d'oro. L'origine del nome del paese, di cui - non essendo nota una grafia uniforme nel Medioevo - sono emerse diverse varianti, tra cui z. B. Madulene, Madulens o Maduley. La spiegazione più ovvia è una derivazione di “metallum”, poiché il rame veniva estratto nella Val d'Es-cha in epoca preistorica.

La posizione di Madulain tra il passo dell'Albula e l'allora capitale, Zuoz, ha fatto sì che il villaggio fungesse da posto di dogana nell'alto medioevo. A Punt Gianet sono ancora visibili i resti della vecchia dogana. A questa funzione si deve anche la costruzione del suggestivo castello di Guardaval (oggi in rovina), che il vescovo di Coira ei suoi feudatari lo usarono sia come simbolo del loro potere, ma anche per assicurarsi i diritti feudali. Nel 1420 fu incendiata per ragioni sconosciute e non fu ricostruita. Una famosa leggenda engadinese trova una spiegazione eroico-romantica ma irrealistica nella storia dell'ultimo Vogt von Guardaval e Adam von Camogask

Dopo che Madulain fu inizialmente una frazione di Zuoz, il villaggio iniziò a distaccarsi dalla sua «comunità madre» nel 1530, finché nel 1543 il cosiddetto atto di divisione ne sancì l'indipendenza. Anche i Madulainers si diedero una propria costituzione: 85 articoli regolavano quasi tutta la vita nel piccolo borgo e disciplinavano dettagliatamente, tra l'altro, l'uso di alpeggi e pascoli, alpeggi estivi, commercio del bestiame, allevamento di tori e legname. la vita del villaggio era plasmata dall'agricoltura, ma sì Come ovunque ai valichi di valico, il traffico di transito dava alle persone lavoro e reddito aggiuntivi: così fino alla metà del XVIII secolo cavalieri, maniscalchi, carri e altri rappresentanti di professioni affini si stabilirono a Madulain con i loro famiglie. Sebbene il turismo nel villaggio da sogno non potesse prendere piede nella stessa misura delle altre comunità engadinesi, Madulain non fu mai povero, il che può essere dovuto anche al fatto che i numerosi emigranti, principalmente pasticceri e venditori di liquori, inviarono ingenti somme di denaro in patria. Anche a Madulain furono costruite case signorili da questa fresca capitale.

Ancora oggi, Madulain non è una delle grandi località di villeggiatura con tutti i tipi di attività. Il villaggio doveva essere "scoperto" allora e ora dai viaggiatori ed è ancora un consiglio da addetti ai lavori.

Torna su