Castello di Guardaval

L'epoca in cui fu costruito il castello può essere dedotta da rapporti scritti: il vescovo Volkard von Neuburg fece costruire il castello negli anni 1237-1251.

Durante la salita al rudere sul pendio si possono ancora vedere suggestivi terrazzamenti artificiali, che possono testimoniare l'ubicazione di un cantiere di rifornimento appartenente al castello.

Per molto tempo (circa 1880-1935) l'area dei ruderi del castello è stata interessata dalla parte edificabile di un ristorante fino a quando questa è stata rimossa con la ristrutturazione della storica muratura.
La torre evidentemente formava la struttura dominante del castello, in origine era libera.
All'interno della torre sono presenti finestre a fessura con panchina spiovente, nessuna traccia di abitabilità.

In prossimità della torre si trovano i resti di un'ala allungata, un tempo suddivisa trasversalmente, forse salotti.
Durante il periodo di costruzione di quattordici anni, gli engadinesi hanno dovuto prestare servizio obbligatorio e consegnare i materiali da costruzione sotto la pressione degli ufficiali giudiziari. Anche in seguito dovettero occuparsi della manutenzione del castello e consegnare la decima.

madulain_burg_5

Guardaval non è mai stata la sede o la proprietà di una famiglia nobile, ma una sede amministrativa puramente episcopale, soprattutto per la riscossione dei dazi doganali, ovvero per le grandi e piccole dogane. Il vescovo ha ceduto il castello al diritto di servizio solo temporaneamente - previa revoca in qualsiasi momento - all'ufficiale giudiziario episcopale Planta von Zuoz. La famiglia Planta fu amministratore del castello di Guardaval dal 1377 al 1382.

Dal 1930 al 1935 il castello è stato utilizzato come ristorante nei fine settimana in estate. Un grammofono azionato meccanicamente e un po 'di alcol a volte riscaldano le menti mentre si balla.

L'ambiente politico di potere del castello di Guardaval

Nel periodo tardo romano i Grigioni e la Val Venosta facevano parte della provincia romana di Raetia Prima con il capoluogo Coira. L'amministrazione politica era nelle mani di un "Preses" nominato da Roma. Ma Coira era anche la sede di un vescovo. Dopo la caduta dell'Impero Romano, il vescovo unì potere secolare ed ecclesiastico. A causa dello sviluppo del Sacro Romano Impero della nazione tedesca su entrambi i lati delle Alpi, i passi alpini dei Grigioni acquisirono un'importanza significativa.

 

L'importanza del castello di Guardaval in termini di ingegneria del traffico dovrebbe essere vista anche in questo contesto. A Madulain, la locanda restringeva il suo corso ed era l'unico posto adatto per un ponte. Il ponte Guardaval ha svolto un ruolo importante nel collegamento trasversale attraverso l'Engadina sugli importanti passi alpini (Passo Resia e Julier / Septimer). Lì i sentieri in direzione dell'Albula si dividevano per l'Albulastrasse e poi in direzione di Chamues-ch e più avanti attraverso il Chamueratal attraverso il Livignotal o la Val dal Fain e il passo del Bernina in Valtellina. Dopo la chiesa di Chamues-ch, il sentiero si divide nuovamente: a destra sul Chamuerabach e ulteriormente protetto contro le inondazioni sopra Champesch-Isellas in direzione di Pontresina-Berninapass.

Questa situazione del traffico ha predestinato Madulain ad essere una dogana stradale e un ponte, e dal castello di Guardaval, tutto il traffico in direzione di Zuoz, Albula e Chamues-ch poteva essere monitorato e controllato.

Torna su